Nei precedenti articoli abbiamo visto insieme suggerimenti e alcune delle migliori strategie per raggiungere i tuoi obiettivi di fatturato sul mercato italiano ed internazionale attraverso la vendita online.
Insieme abbiamo valutato diverse opzioni di piattaforme e-commerce, fra quelle attualmente presenti sul mercato, con un occhio attento a al budget, all’ ottimizzazione del tempo e dei contenuti, e a features per il contatto diretto con i proprio clienti e l’assistenza tecnica.


Kit di strumenti per la vendita on line nel settore agroalimentare

Sognare è bellissimo e nessuno mai ce lo vieterà.
Ma trasformare un desiderio in un’idea vincente per un e-commerce di successo è un passo importante e vanno fatti necessariamente degli approfondimenti.

Nell’articolo precedente ci siamo allineati sugli strumenti a disposizione e presupponendo che tu voglia aumentare la tua potenza distributiva e offrire maggiori servizi digitali ai tuoi consumatori finali, questi sono gli STEP che secondo la nostra esperienza dovreste seguire.

1. Progettare: “parti da un sogno e trasformarlo in un’idea strutturata”

  • Indagine di mercato (Analisi della domanda):
    Verifica se il tuo servizio offre soluzioni a problemi esistenti e se esiste, un bacino cospicuo di utenti disposto a pagare per il tuo prodotto/servizio.
  • Analisi Competitor (Analisi delle offerte):
    Verifica i concorrenti già presenti in quella nicchia di mercato e valuta i loro punti di forza/debolezza che possono direzionare la scelta dei tuoi clienti.
  • Business model:
    Valuta la fattibilità della tua idea.
    Definisci in modo chiaro ogni aspetto del progetto, valutando sforzi economici, punti di forza o di debolezza e ROI, ricavi rispetto agli investimenti.

 

2. Realizzare: “scegli i materiali e costruisci lo scheletro del tuo aereo”

  • Gestionale per e-commerce:
    Il vero cuore che renderà semplice la gestione di qualsiasi e-commerce è la scelta dell’ ERP o il Gestionale e-commerce. È fondamentale capire come sarà possibile integrare il tuo gestionale con il nuovo e-commerce che stai sviluppando, o se devi pensare ad acquistarne uno nuovo.
  • Scegli la piattaforma per il tuo shop online:
    Definisci il tuo software di vendita, la vetrina online
    è il front-end che vedrà il tuo cliente. Questo strumento ti permetterà di caricare i prodotti e le caratteristiche di ognuno di essi, le sue varianti ed eventuali correlati.
  • Server e risorse:
    Definisci server e scegli la macchina virtuale più sicura adatta ad ospitare il tuo progetto nel tempo.
  • Strumenti e Integrazioni software
    Pensa ad un ventaglio di interazioni possibili che potranno servirti per implementare le funzionalità
    del tuo e-commerce. Plugin o altri software possano tornarti utili per realizzare un ottimo progetto di vendita.

 

3. Promuovere: “definisci la destinazione, traccia la rotta”

Cerca di individuare i momenti chiave e gli step del processo di vendita che trasformano e
portano un visitatore a diventare cliente pagante. Tu dovrai conoscerli, lui non dovrà accorgersene.

  • Studia il tuo target e definisci tutti i suoi bisogni
    le sue necessità su cui far leva per vendere e posizionare meglio il tuo prodotto.
  • Awareness – La prima fase della vendita è l’attrazione.
    Fai conoscere il tuo brand e ispira i tuoi clienti per portarli sul tuo sito, da meri curiosi potrebbero rivelarsi potenziali clienti interessati ai tuoi prodotti servizi.
  • Lead Generation:
    raccogli i dati degli interessati al tuo prodotto o servizio; poi proponi loro dei contenuti o dei prodotti dedicati.
    Più nominativi hai più possibilità che quest’ultimi si trasformi in un tuoi clienti.
  • Progetta leve di marketing per acquisire nuovi contatti:
    prevedi delle opzioni e degli strumenti utili al fine di acquisire sempre nuovi clienti.

 

4. Vendite ed amministrazione

  • Definisci i sistemi di Pagamento:
    Scopri vantaggi e svantaggi per ognuno di essi; mettiti nei panni dell’utente e valuta i meccanismi che favoriscono o inibiscono  la conclusione della vendita. Allo stesso tempo valuta anche tu  i costi (sia in termini di tempo che denaro) che ognuno di questi metodi prevede anche per te.
  • Documentazione amministrativa 
    Con il supporto di un consulente amministrativo-commerciale scopri quali sono le regole, privacy, cookie, condizioni di vendita e altri documenti fiscali obbligatori. La parte burocratica è noiosa ma importantissima.
  • Integrazione su Market-Place:
    Una strategia adatta per il tuo e-commerce potrebbe essere quella di collegarlo e integrarlo alle più conosciute piattaforme di vendita online. Amazon, eBay e altri, potrebbero essere un ottimo strumento per aumentare le vendite.
  • Multicanali e Multidevice:
    Oggi è fondamentale dare ai clienti la miglior esperienza di acquisto, quindi è indispensabile che il tuo e-commerce sia progettato per un’ottima esperienza da tutti i device, sopratutto mobile, e che sia promosso attraverso tutti i canali social e di vendita disponibili.

 

5. Gestioni merci e spedizioni

  • Magazzino e gestione:
    In questa fase è importante capire come gestire il magazzino,  quale sistema usare, triangolazioni.
  • Spedizioni merci:
    Come e con chi spedire. Tutti aspetti da definire in fase iniziale.
    Ci sono una serie di  policy, protocolli e costi da sapere quando invii un prodotto in diverse zone di Italia o
    all’ Estero.
  • Gestione resi:
    I resi sono un bel costo per ogni impresa. È bene conoscere la normativa e definire le regole di gestione che vanno poi riportati nei documenti ufficiali di termini e condizioni.
  • Strumenti di Magazzino:
    Strumenti e software utili per la gestione coordinata del magazzino e delle spedizioni.

 

6. Assistenza

  • Customer care – strumenti assistenza:
    È importante far capire al cliente che non è solo.
    Supportarlo nella fase pre vendita ed essere a sua disposizione nel post-vendita. Per questo esistono molti sistemi che si potranno integrare con la vostra piattaforma di e-commerce.
    Le chat bot,  e altre potentissime armi di customer service, che permettono al cliente di interagire con un responsabile ed avere maggiore informazioni con facilità.
  • Customer satisfaction:
    Il grado di soddisfazione dei tuoi clienti vanno sondati periodicamente. I clienti soddisfatti sono clienti che ritornano e che divulgano informazioni, si fanno portatori del messaggio e della validità del prodotto, spesso a costo.
  • Recensioni:
    Sono importanti le recensioni. Ci sono dei metodi on-site e off-site per implementarle direttamente sul vostro ecommerce. Il cliente acquisterà più sicuro, dopo aver letto una recensione di chi ha avuto quel bisogno prima di lui.

 

7. Monitoring e performance: “I dati guideranno il tuo percorso”

  • Test e-commerce:
    Sul tuo progetto vanno previsti una serie di test per misurare prestazioni del server, seo, performance, usabilità, al fine di migliorare il sito.
  • Usabilità sito:
    L’usabilità è fondamentale per rendere l’esperienza di acquisto il più facile, intuitiva e divertente
  • Analisi e-commerce:
    È importante prevedere con regolarità un’analisi approfondita del proprio e-commerce.
    Nulla può essere lasciato al caso. Mai fermarsi, prevedere iterazioni continue per migliorarsi.

“ Se sai dove sei e sai dove stai andando potrai sapere che strada imboccare per arrivarci”
Importante avere dei dati di insight e andamento su quelle che sono le performance del tuo e-commerce.
L’analisi dei dati ti permette di monitorare i flussi, capire gli inceppamenti e correggersi in corsa e migliorare dove possibile.

Se sei un’imprenditore o un manager del settore Food&Beverage, abbiamo realizzato una guida per comprendere meglio gli sviluppo dei tuo settore! Scaricala ora!

Se avevi in mente di iniziare a vendere online, approfondisci prima i temi in una call gratuita con un e-commerce specialist per evitare errori nella pianificazione!

 

Potrebbe interessarti anche

Pin It on Pinterest

Share This